Giovanni Ederle

Vinitaly: 6 cantine da scoprire (e i loro 6 vini da degustare)

vino diretto eventi Leave a Comment

Ecco qualche consiglio su alcune cantine da visitare, e naturalmente su qualche vino da assaggiare, all’imminente VINITALY (dal 9 al 12 Aprile), attraverso una selezione di cantine aderenti a Vino Diretto.
E per non perderti scarica la mappa di Vinitaly 2017.


Tenuta Belvedere

Padiglione 8 / Stand B8-E9 / Desk 10 (presso FIVI)

Il vino da provare
Provincia di Pavia IGT Coccinea
Una rara Croatina vinificata in purezza, senza solfiti aggiunti, dal colore rosso porpora con riflessi violacei, presenta un naso elegante con chiare note di frutti rossi e ciliegie sotto spirito e un palato giustamente tannico, dal retrogusto persistente.


Giovanni Ederle

Padiglione 8 / Stand B8-E9 (presso FIVI)

Il vino da provare
Bianco Veronese IGP Donna Francesca
Uno splendido colore oro anticipa le sensazioni che vanta questo eccellente bianco; importante e rotondo, è il frutto di un sapiente blend tra uve ottenute da un vitigno autoctono come la Garganega e da quelle di uno internazionale come lo Chardonnay.


Bele Casel

Padiglione 8 / Stand B8-E9 (presso FIVI)

Il vino da provare
Asolo Prosecco DOCG Colfondo
Il Prosecco nella sua declinazione più storica e tradizionale, rifermentato in bottiglia, in cui i lieviti residui concorrono alla sua distinta complessità e continua evoluzione; la crosta di pane si accosta, senza prevaricazioni, alle sensazioni floreali e fruttate.


Rizzi

Padiglione 10 / Stand P2

Il vino da provare
Barbaresco DOCG “Rizzi”
Ottenuto da uve provenienti dal crü Rizzi, il suo colore granato intenso, con riflessi aranciati, esprime al naso un ampio aroma che spazia dai piccoli frutti rossi alle erbe aromatiche, dalle note floreali a quelle speziate. In bocca emerge la grande consistenza e l’importante struttura tannica, supportata da grande equilibrio ed eleganza, oltre che da una lunga persistenza.


Marco Capra

Padiglione 10 / Stand H2

Il vino da provare
Metodo Classico Extra Brut ‘Seitremenda’
Blend di uve Chardonnay e Pinot Nero, si afferma come uno spumante caratterizzato da un equilibrato connubio tra un gusto fruttato, con chiare note di crosta di pane, e una mineralità pronunciata, soprattutto nell’elegante finale.


Ar.Pe.Pe.

Palaexpo / Stand A-B-C-D1

Il vino da provare
Valtellina Superiore DOCG Sassella Ultimi Raggi
Le uve nebbiolo provenienti da vigneti che raggiungono la quota di 600 metri, attendono qualche settimana in più per la loro raccolta, al fine di raggiungere una decisa surmaturazione. La corrispondenza tra le sensazioni al naso e quelle al palato è straordinaria, accompagnata da un tannino levigato, dopo un lungo affinamento in botte grande.

Condividi